Notizie sul termodinamico

I pannelli termodinamici azzerano i consumi di lavastoviglie e lavatrice

E’ risaputo che nel funzionamento della lavastoviglie, come in quello della lavatrice, il consumo elettrico maggiore è dovuto alle resistenze elettriche che riscaldano l’acqua.
Per ovviare a ciò, ormai quasi tutti i modelli in commercio prevedono la possibilità di collegare direttamente la lavastoviglie o la lavatrice all’impianto di acqua calda, fornendo alla stessa, quindi, acqua già pre-riscaldata dallo scaldabagno o dalla caldaia anziché dalle resistenze interne della lavastoviglie o della lavatrice. Questa soluzione tecnica “eco” fa risparmiare fino al 35% di energia; il risparmio può arrivare fino al 90% se il generatore di calore che riscalda l’acqua è alimentato da un sistema di pannelli solari termodinamici, dove i costi annui di produzione di acqua calda sono davvero minimi.
Se in ambito domestico, le opportunità di risparmio offerte dai sistemi termodinamici possono essere ottimizzate collegando l’acqua calda con la lavastoviglie, nel settore della ristorazione, fornire alla lavastoviglie acqua già calda è una convenienza assoluta. Infatti, una lavastoviglie industriale mediamente ha un assorbimento elettrico di circa 10 kW, invece con il Thermboil 500 Rapid Heating l’assorbimento si ferma a soltanto 1 kW.
Per questa ragione, sempre più ristoratori scelgono la tecnologia termodinamica quale fonte di energia per la produzione di acqua calda da immettere direttamente nelle lavastoviglie industriali.
I sistemi solari termodinamici danno la facoltà di scegliere la temperatura dell’acqua calda da immettere nella lavastoviglie pertanto non esistono problemi di surriscaldamento dell’acqua che potrebbero causare problemi alla lavastoviglie.